10/set/2014

Orecchiette pugliesi fatte in casa, video tutorial

Buongiorno miei adorati affamati,
come state oggi?

A Torino il tempo è orribile e mi è venuta una nostalgia delle mie vacanze in Puglia incredibile.
Quest'anno ho fatto non solo mare ma anche un viaggio culturale attraverso i sapori pugliesi. Su Facebook ho messo diverse foto di tutto quello che ho provato! (Ma quanto sono buoni i panzerotti fritti?)
Siete mai stati in Puglia? Avete mai visto quei laboratori della pasta che a volte si affacciano addirittura sulla strada vedere le signore impastare l'impasto per le orecchiette e gli strascinati?
Io sono andato a lezione da una signora, la famosa "zia del paese" che fidatevi di me, la sa molto lunga su come si fa la pasta fatta in casa.
Ho proprio piacere di condividere con voi la mia esperienza e per l'occasione ho creato un mini video tutorial per farvi ben capire il procedimento per la creazione delle orecchiette fatte in casa.

Pensavo fosse più difficile, invece dopo 5 minuti di pratica avevo già preso la mano e mi venivano quelle belle righettine sul cappello dell'orecchietta che poi sono utilissime per tenere bene il sugo.
A fine post vi spiegherò anche come condirle =)


LA RICETTA DI MARCO

Ingredienti per 5 persone
500 gr di farina 00
350 gr di acqua

Preparazione
Io ho impastato 500 gr di farina e 300 gr di acqua, ma poi bisogna sempre vedere la consistenza: l'importante é tenerla non molto bagnata e lavorarla bene e con i pugni! 



Bisogna farla diventare liscia, non demordete poichè la pasta a base di acqua è un pochino più difficile da lavorare che quella all'uovo. 
Se vedete che l'impasto è diventato troppo secco potete bagnarvi le mani e continuare ad impastare, in questo modo sarà più facile tenere sotto controllo l'umidità dell'impasto.
Una volta ottenuto l'impasto liscio dovrete creare dei filoni larghi come il vostro indice e quindi create le orecchiette prelevando un quadratino di pasta alla volta. 
Il trucco é pressare OMOGENEAMENTE e decisamente il cubetto di pasta sul tagliare con il coltello, dall'inizio alla fine del quadratino!
Basterà ora capovolgerla con l'aiuto del dito et voilà, la vostra prima orecchietta è nata! Facile vero?


video


Per il sugo: noi abbiamo condito la pasta con il sugo delle braciole! Le conoscete? 
Sono rolatine fatte con il lombo di cavallo, ripiene di insaccati e pecorino. Vengono cotte nel sugo e diventano morbidissime e rilasciano dei pezzi di carne nel sugo stesso. Così poi condirci la pasta diventa d'obbligo.
Se volete la ricetta delle braciole fatemelo sapere nei commenti!




Non vi sto a dire l'abbinamento famoso e classico: le cime di rapa, ovviamente è un must ma ricordatevi che non è stagione. Appena si troveranno fresche vi posterò la ricetta.
Sappiate comunque che se condirete le orecchiette fatte in casa con un sugo semplice e della ricotta salata saranno già orgasmiche.


05/set/2014

Involtini di melanzane grigliate e tonno alla salsa marinara


Cari lettori,
argomento di oggi: non sempre si ha voglia di cucinare.
Ora dirò una cosa che farà invidia a molti... ma fidatevi non a me.
Da buon neolaureato in attesa di occupazione (DISOCCUPATO) capita che mi svegli tardi e quando dico tardi intendo giusto per l'ora di pranzo.
L'assunto che vado ad esplicare (ehhhh che paroloni) può valere anche per quei poveri cristiani ( o di altre religioni, per par condicio) che escono da lavoro alle 7 e devono arrivare a casa e pure pensare cosa buttarsi in pancia!
Certo non si può vivere di solo amore, ma non ci si può nemmeno ammazzare di lavoro. Una volta un signore mi ha detto: mi piace darmi da fare a lavoro ma non voglio diventare il più ricco del cimitero. Sagge parole, un pò stantie, ma che comunque dovrebbero farci capire che prenderci il proprio tempo è molto importante.
Tornando al nocciolo del discorso, questa ricetta è dedicata a tutte quelle persone che hanno una fame bestia ma non hanno voglia di cucinare troppo.
Vi aggiungo al fondo del post anche una canzone grintosa, perché quando uno è stanco, e deve per forza fare qualcosa, ha bisogno della famosa adrenalina da 7 note.

LA RICETTA DI MARCO

Ingredienti per 3 persone:
1 melanzana
2 scatole piccole di tonno
2 cucchiai di pan grattato
1 tazzina di latte
1 cucchiaino di erba cipollina secca
olio
1 bicchiere di passata di pomodoro
1 spicchio di aglio
8 filetti di acciughe sott'olio (oppure un cucchiaio di pasta di acciughe)
Sale e pepe

Preparazione:
- Tagliamo a fette tonde la melanzana, non troppo sottile (se non avete voglia e avete le melanzane grigliate in barattolo usate quelle ma toglietegli più olio possibile con dello scottex).
- Grigliamole con un po' di sale, appena compaiono le famigerate righe nere toglietele (in America ho imparato che noi cuciniamo fin troppo le verdure. In effetti a volte conviene più lasciare tendenti al crudo che allo stracotto, per i nutrienti.) Click QUI per leggere la mia esperienza negli Usa.
Lasciamole riposare.
- In un tegame scaldiamo due giri di olio e facciamo imbiondire l'aglio, fatto ciò aggiungiamo la passata e due filetti di acciuga. Appena bolle stemperiamo con poca acqua e facciamo sobbollire al minimo del fuoco, per 15 minuti. Infine aggiustiamo di sale e pepe, assaggiando sempre.
- Nel mentre prepariamo la farcia. In una padella scaldiamo un giro di olio e appena tiepido facciamo sciogliere i restanti filetti di acciuga,attenzione appena il filetto si scioglie aggiungiamo il latte; se l'acciuga cuoce troppo diventa farinoso e salatissima. 
- Aggiungiamo sempre a fuoco acceso il tonno e l'erba cipollina. Infine il pangrattato e dopo un paio di minuti di cottura spegniamo il tutto.
- Non ci resta che comporre, per ogni fetta di melanzana inseriamo nel mezzo un cucchiaino di impasto e chiudiamo a cannolo. 
Possiamo impiattare aggiungendo la salsa marinara dove vogliamo; sotto, sopra, di lato.
Non preoccupatevi se saranno tiepidi alla fine della preparazione, si mangiano proprio così. Se li fate la mattina per la sera allora consiglio un 5 minuti di forno per stemperare il freddo del frigo.

Vi piace l'idea?
Vi assicuro se in 20 minuti avete in tavolo il vostro risultato. Se poi nel mentre fate anche bollire due spaghetti e usate il restante sugo alla marinara che avete preparato nel giro di mezz'ora vi siete fatti il pasto completo!!!


01/set/2014

Torta mascarpone e cioccolata americana + mia esperienza negli USA

Buongiorno a tutti cari lettori,
sono finalmente tornato dalla mia estate. Ho deciso di riaprire il mio blog proprio oggi, 1' settembre.
Quante cose che vi devo dire e raccontare.
Anzitutto, è settembre e come ogni settembre c'è aria di novità. Ho deciso di dare una nuova impronta al blog; inizialmente ho aperto La Ricetta di Marco per raccogliere tutte le mie idee ma adesso voglio anche associare parti della mia vita alle ricette che faccio.
Vi racconterò un pò di affaracci miei, come già faccio sulla pagina ufficiale del Blog su Facebook. 
Ovviamente se non vi interessa l'argomento potrete sempre andare alla ricetta che metterò in fondo ad ogni post e se non vi interessa nemmeno la ricetta... bè avete sbagliato ad aprire il mio blog =D
Altra piccola novità che introdurrò sarà un video musicale consigliato; diciamolo, la cucina si associa a tantissime cose, molti la associano all'amore, molti al sesso, molti alla creatività e molti altri (come me) alla musica. In più la canzone rispecchierà sempre la mia ricetta o l'esperienza che vi narrerò insieme ad essa.

Allora... come molti sapranno questa estate mi sono recato negli Stati Uniti. È stato il regalo mio e della mia fidanzata per la laurea che abbiamo conseguito a dicembre 2013!
Siamo stati in famiglia e non intendo l'esperienza tipica dei giovanotti all'estero, no no, siamo stati proprio ospiti dai parenti della mia ragazza.
Cosa posso dire di loro, sono delle persone SPLENDIDE! Ho scoperto che cos'è l'amore platonico. Mi hanno trattato come se fossi di famiglia e mi hanno regalato una delle esperienze più belle della mia vita. Non smetterò mai di essergli grato.
Noi abbiamo visitato un pò il West Virginia, Pennsylvania e Ohio. In particolare Pittsburgh e Columbus. Poi c'è stata regalata una gita alle Cascate del Niagara e un saltino in quel del Canada.
Infine siamo stati un week end a Washington DC.
Nel mentre ho anche allenato il mio inglese. Ho imparato un sacco di nuovi termini...culinari e così ho anche importato delle ricette tipiche molto sfiziose.
Vi lascio al brucio le mie impressioni sui posti visitati:


Pittsburgh è una città carina, non l'ho trovata proprio a misura d'uomo del 2014 anche se dicono che è la città più vivibile d'America. Si vede ancora che è una ex città industriale ma anche questo la rende tranquilla.
Columbus è la classica capitale: pub, grattacieli, ristoranti, code e litigi. È stata istruttiva e divertente.


Le cascate del Niagara sono qualcosa di folle, bellissime, suggestive, magiche e "basse". Non dico che sono un rubinetto però nella mia mente me le immaginavo altissime. Noi abbiamo fatto la gita in traghetto che ti porta in mezzo al ferro di cavallo delle cascate tra lo stato di New York e il Canada, bè lì cambi proprio prospettiva del mondo!


Il Canada è tranquillo, pulito e vivo. Pensavo di trovarlo più europeo come stile e invece anche lì si denota lo stile americano. Sicuramente sono molto precisi.


Infine Washington DC. Wow che storia ragazzi, sembra di stare in un film. Anche l'ultimo dei venditori ambulanti sembra un politico. Tutti eleganti, che vanno di qua e di la (ma non come a Manhattan) e la città è quasi tutti bianca o comunque chiara. È proprio la capitale degli Stati Uniti.

Ma ora veniamo a noi e al...

LA RICETTA DI MARCO

Questa ricetta è presa da un giornale di un famoso network di cucina americano "Food network" io ve la traduco e italianizzo perchè degli ingredienti sono difficili da reperire.

Ingredienti:
2 paste sfoglie rotonde (o cracker al cacao)
450 gr di panna da montare
300 gr di mascarpone
75 gr di zucchero a velo
150 gr di Nutella
5 gocce di essenza di vaniglia
Zucchero granulare e cacao amaro Q.B.
1 tavoletta di cioccolata fondente

Preparazione:
- Se trovate i cracker al cacao siete a cavallo e ve ne servono 20, ma in Italia sono praticamente impossibili da reperire.
Quindi cuocete di forno per il tempo indicato la pasta sfoglia che dovete spolverare di zucchero granulare e cacao amaro, da ambo i lati. Una volta cotti fate raffreddare. Appena tiepida tagliatela a metà, dato che non l'avete bucherellata dovrebbe essere "lievitata" e il taglio risulta più facile.
- In un mixer montate la vaniglia, metà della panna e metà del mascarpone insieme allo zucchero a velo. Devono solo amalgamarsi bene.
- In un altra ciotola da mixer mescolate il restante della panna e del mascarpone insieme alla Nutella.
- Ora in un grosso piatto piano possiamo montarla. uno strato di cracker (sfoglia) uno strato di crema al mascarpone, poi un altro di sfoglia e uno di crema alla Nutella, poi ripartiamo con la sfoglia e la crema al mascarpone per finire con l'ultimo di sfoglia e l'ultimo strato di crema alla Nutella.


- Grattugiate su tutta la superficie il cioccolato e riponete in frigo per almeno una notte.


Vi assicuro che è una bomba, buonissima, non dolcissima ma libidinosa!
PS se volete fare le cose ancora più easy, utilizzate i pan di stelle, un pò interi e un pò rotti per creare gli strati omogenei!

Fatemi sapere se vi piacciono le novità, la canzone, la ricetta... commentate, commentate, commentate e postate ovunque. Fate un pò i social =D

Un abbraccio,
vi lascio con la colonna sonora del mio viaggio in America.